“IL DUCA” OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA 100% ITALIANO

VALUTAZIONE ORGANOLETTICA: olio extravergine di oliva

CULTIVAR: Nocellara 60%  – Biancolilla 40%

AREA GEOGRAFICA: Provincia di Caltanissetta

PROVENIENZA: Uliveto aziendale

ALTITUDINE: 300-400 metri s.l.m.

METODO DI RACCOLTA: Brucatura manuale

METODO DI ESTRAZIONE: Ciclo continuo a freddo

ASPETTO: Non filtrato, decantazione naturale

COLORE: Giallo oro con riflessi verdi

AROMA: Erbaceo, floreale con note di pomodoro e lievi sentori di carciofo. Sensazioni olfattive di mandorla.

SAPORE: Fruttato, con leggere note di amaro piccanti ben armonizzate. Persistenza media.

ACIDI GRASSI LIBERI: 0,25%

IMPIEGO SUGGERITO: Arrosto,pesce, cacciagione, zuppe.

Analisi oli extravergine di oliva

Alcune informazioni di ausilio per la conoscenza dell’olio extra vergine di oliva:

  • L’olio di oliva è il grasso vegetale che si ottiene dalla semplice frantumazione delle olive e dalla separazione dell’olio (per pressione o centrifugazione) senza alcun trattamento chimico, un processo unicamente fisico che preserva l’assoluta genuinità del prodotto.
  • L’aggettivo “Vergine”, utilizzato per classificare alcuni oli d’oliva, indica che il prodotto proviene direttamente dalle olive senza alcun procedimento chimico, a differenza delle categorie “Olio di oliva” e “Olio di sansa di olive” che sono sottoposti a trattamenti di raffinazione o di estrazione chimica.
  • La categoria “Extra Vergine” rappresenta il prodotto di qualità superiore rispetto alla semplice categoria del “Vergine”.
  • La legge stabilisce che la categoria “Extra Vergine” deve possedere sensazioni olfatto-gustative di “Fruttato di Oliva” ovvero ricordare il frutto di oliva e l’assoluta assenza di difetti, o meglio l’assenza di sensazioni olfatto-gustative sgradevoli talora oltremodo dannose alla salute.
  • Per la categoria “Vergine”, fermo restando la presenza del fruttato di oliva, è tollerata la presenza di uno o più difetti.
  • La categoria “Extra Vergine” per legge deve possedere qualità chimica, e quindi nutrizionale superiore rispetto a quella degli altri oli.
  • L’acidità dell’olio non è percepibile al gusto, ma si può determinare solo in laboratorio.
  • Tra i grassi vegetali, l’olio di oliva è quello più resistente alle alte temperature raggiunte solamente durante la cottura (frittura) e quindi il più adatto.
  • Per le sue sensazioni olfatto-gustative, si presta ad essere utilizzato non solo come mezzo di cottura (frittura), ma anche per i condimenti a crudo e per molte preparazioni, gastronomiche, potendo interagire sinergicamente con altri ingredienti.
  • Rispetto a tutti gli altri grassi alimentari ha un più elevato valore nutritivo, dovuto alla sua composizione in acidi grassi e alla presenza di antiossidanti naturali e vitamine.
  • Le sensazioni di amaro e piccante sono dovute alla benefica presenza degli antiossidanti naturali.

Scarico olive nella defogliatrice

Olive defogliate

Lavaggio delle olive

Rimescolamento della pasta

Macinazione

Passaggio della pasta di olive

Separazione dell’olio dalla sansa